Nemico pubblico n.1 – L’ora della fuga

Mesrine (Vincent Cassel) torna in Francia dopo essere stato in esilio in Canada. Si allea con il killer soprannominato “La Portaerei” (Samuel Le Bihan) e architetta una serie di rapine a mano armata. Sebbene la maggior parte delle volte sia capace di stare un passo avanti rispetto alla legge, alla fine si ritrova di nuovo in prigione, dove fa amicizia con l’astuto François (Mathieu Amalric). Con l’aiuto di François, Mesrine riesce ad evadere di prigione e diventa una specie di celebrità: scrive un’autobiografia, entra in confidenza con i ricchi e cerca di dipingersi come un estremista politico grazie all’aiuto di Charlie (Gerard Lanvin), portavoce di sinistra. Mesrine rafforza la sua relazione con una nuova compagna Sylvia (Ludivine Sagnier), ma volta le spalle ad alcuni dei suoi vecchi amici e sottovaluta la determinazione della polizia Francese, intenzionata a fermarlo una volta per tutte…