The King

Elvis Valderez (Gael Garcia Bernal) ha da poco abbandonato la Marina Militare statunitense lasciando l’equipaggio dell’Athena. La sua scelta non è un ripiego, vuole semplicemente cambiare vita, deciso a incontrare il padre naturale che non ha mai conosciuto. Con i pochi soldi pervenutigli dal prematuro congedo, il ragazzo compra un’automobile usata e si dirige verso il Texas, dove la madre defunta gli ha rivelato trovarsi il padre. Arrivato in un paesino di provincia si reca in una delle parrocchie della comunità in cui il genitore è oggi un pastore di fede battista. L’incontro tra i due non è dei più felici: l’uomo, David Sandow (William Hurt), si è rifatto una vita e una famiglia insieme alla devota moglie (Laura Harring), e non ne vuole sapere di questo figlio spuntato dal nulla che gli ricorda il suo tormentato passato. Il rifiuto da parte del padre è un duro colpo per Elvis, che decide in ogni caso di restare nella speranza di guadagnarsi un’altra occasione. Affitta una squallida camera di un motel e si trova un impiego in una pizzeria a domicilio. Nel frattempo si interessa all’adolescente sorellastra, Malerie (Pell James), con la quale da inizio a una storia d’amore ma, proprio per questo, attira le antipatie del fratellastro Paul (Paul Dano). In un’escalation di attriti con i membri della nuova famiglia del padre, Elvis porterà l’idilliaco quadretto verso la distruzione.