Non per soldi… ma per amore

La giovane Diane (Skye), destinata dal padre a un roseo e ricco avvenire, s’innamora di Lloyd (Cusack), un ragazzo di modeste condizioni e poche pretese. La gioia della ragazza, che ha vinto una borsa di studio, si stempera quando scopre che il padre è nei guai con la legge. Il film, che segue certi canoni della commedia giovanilistica, è meno banale di quanto non possa sembrare al primo sguardo. Si tratta in effetti di una pellicola fresca e briosa, interpretata in modo eccellente dai due protagonisti, future colonne del cinema americano indipendente. Il regista Cameron Crowe in seguito si metterà in luce con Jerry Maguire e Quasi famosi (per il quale ha vinto l’Oscar come migliore sceneggiatura originale). La sorella di Lloyd è interpretata dalla vera sorella del protagonista, Joan Cusack. (andrea tagliacozzo)

Four Rooms

Che cast… e che spreco! Terribile e imbarazzante film a episodi composto da quattro corti, il cui unico motivo di interesse è capire quale sia il peggiore. Ambientato in un hotel di Los Angeles nella notte di Capodanno e tenuto insieme dalla partecipazione di Ted il portiere (Roth). Bruce Willis appare non accreditato nell’ultimo episodio, quello di Tarantino.