Il fantasma del palcoscenico

Una versione moderna del mito del Faust intrecciata con il canovaccio de Il Fantasma dell’Opera . Un mefistofelico discografico (Williams) sottrae un brano musicale a un giovane e promettente cantautore (Finley) che, incastrato dagli sgherri del produttore, finisce a Sing Sing. Fuggito di prigione con la seria intenzione di vendicarsi, il musicista viene orrendamente sfigurato da una pressa per dischi. Il film più eccentrico di Brian De Palma, dove horror (poco), umorismo (in abbondanza) e musica (datata ma splendida) si fondono alla perfezione. Le canzoni del film sono composte dal protagonista, Paul Williams. (andrea tagliacozzo)