Fuga da Alcatraz

Ricostruzione di un fatto realmente accaduto l’11 giugno 1962. Trasferito nel penitenziario di massima sicurezza di Alcatraz, Frank Morris, già autore di numerose evasioni, attende l’arrivo dei fratelli Aglin per organizzare un minuzioso piano di fuga. Ai tre, anche se poco convinto, si aggrega anche il timido Clarley. La regia di Don Siegel è allo stesso tempo asciutta e avvincente e lavora di fino sugli stereotipi del cinema carcerario (alcuni dei quali, come il detenuto che custodisce un topolino, torneranno in diverse forme
Le ali della libertà
e
Il miglio verde
, i due prison movie di Frank Darabont). Splendido anche Eastwood, altrettanto asciutto e misurato, maschera di ghiaccio d’incredibile carisma.
(andrea tagliacozzo)