Bronx

Negli anni Sessanta, un ragazzino del Bronx è diviso tra la dignità del padre tranviere e il fascino del gangster del quartiere. E per giunta si innamora di una ragazza di colore. Costruito come una fiaba natalizia ( A Bronx Tale , una novella del Bronx, è il titolo originale), l’esordio nella regia di De Niro è costellato di meravigliosi canti a cappella e da una cornice di commento off. Quasi più Tornatore che Scorsese, è una narrazione delicata e nostalgica, che non nasconde gli elementi autobiografici. Storia di un’educazione e di una crescita, sentimentale ma non sdolcinato, è un perfetto film di scuola, che dimostra un’impressionante padronanza e una gran mano di direttore d’attori: è la pellicola che ha lanciato Chazz Palminteri, perfetto boss, mentre lo stesso De Niro si ritaglia un ruolo da comprimario di sobrietà esemplare. (emiliano morreale)