Il sospetto

Una ragazza sposa, contro il volere dei genitori, un affascinante giovanotto e va a vivere con lui in una lussuosa villa. Ben presto però l’uomo si rivela uno spiantato bugiardo che vive di espedienti. Dal romanzo «Before the Fact » di A.B. Cox, un thriller psicologico abilmente costruito che, nonostante i compromessi con la produzione (che praticamente impose un lieto fine, anche se ambiguo), contiene numerosi momenti d’antologia. Tra tutti, la famosa sequenza del bicchiere di latte che si presume avvelenato, reso luminoso da una lampadina posta all’interno. La bravissima Joan Fontaine – più giovane di un anno della già famosa sorella Olivia de Havilland – vinse meritatamente l’Oscar 1941.
(andrea tagliacozzo)

La cruna dell’ago

Buona trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Ken Follett. In Scozia, alla vigilia dello sbarco in Normandia, un agente segreto nazista deve comunicare al proprio comando un importante segreto militare. Nel luogo dove l’uomo dovrebbe incontrare i tedeschi, l’uomo fa conoscenza da una coppia di coniugi inglesi, David e Lucy: il primo, semiparalizzato, sospetta qualcosa, mentre la seconda si lascia sedurre dallo sconosciuto. Grande suspense e ottimi i protagonisti.
(andrea tagliacozzo)