I cinque segreti del deserto

Storia di intrighi ambientata durante la seconda guerra mondiale in un albergo situato in un’oasi nel Sahara, gestito da Tamiroff e dalla Baxter: Tone cerca di carpire segreti facendo visita al maresciallo Rommel (von Stroheim). La sceneggiatura di Billy Wilder e Charles Brackett riesce a incorporare spirito e humour in un film di guerra dalla trama avvincente. Remake di Hotel Imperial, tre nomination all’Oscar.

Viale del tramonto

Uno squattrinato sceneggiatore accetta di lavorare alla dipendenze di una vecchia e dispotica stella del cinema, da anni fuori dal giro. Quando il rapporto con la donna finisce per diventare quasi morboso, il giovane cerca, invano, di andarsene. Forse il migliore dei film su Hollywood, un ritratto al vetriolo dell’industria del cinema americano, impietosamente messa a nudo dall’anticonformista Wilder con una buona dose di humour nero. Il film si aggiudicò tre Oscar (sceneggiatura, colonna sonora e scenografia) e sicuramente ne avrebbe meritati altrettanti per il film, la regia e la magnifica interpretazione della Swanson. Il ruolo di William Holden doveva essere inizialmente interpretato da Montgomery Clift. (andrea tagliacozzo)

Come tu mi vuoi

Riduzione cinematografica della commedia di Luigi Pirandello, il film narra la vicenda di una donna sposata, vittima di una amnesia, che cerca di ricostruire la sua vita accanto al marito. Una delle migliori interpretazioni della Garbo, che comparve, per l’occasione, in una insolita versione bionda. Il film, purtroppo, non è invece all’altezza del talento dell’attrice, né tantomeno del testo di Pirandello.
(andrea tagliacozzo)