Arsenico e vecchi merletti

Un giovane, prossimo alle nozze, scopre che due anziane zie, che credeva le persone più care di questo mondo, sono in realtà due pazze assassine. Avendo altri precedenti in famiglia, l’uomo teme di avere ereditato il terribile tarlo della pazzia e vorrebbe rinunciare al matrimonio. Un capolavoro dell’humour nero, tratto da una commedia teatrale di Joseph Kesselring. Tra gli ingredienti, un ritmo incessante e un cast semplicemente perfetto: spumeggiante Cary Grant, spassoso Raymond Massey che fa il verso a Boris Karloff. (andrea tagliacozzo)

Cappello a cilindro

A Londra, Jerry, ballerino di successo, conosce casualmente la bella Dale e se ne innamora. Ritrova la ragazza a Venezia, ma lei, credendolo già sposato, accetta la proposta di matrimonio di un insopportabile tenore italiano. Il più famoso (e probabilmente il migliore) dei numerosi film girati dalla coppia Fred Astaire-Ginger Rogers, eccellente in tutti i reparti, a partire dalle coreografie create da Hermes Pan e dallo stesso Astaire. Tra le numerose canzoni scritte da Irving Berlin, spicca la notissima
Cheek to Cheek
.
(andrea tagliacozzo)

Banana Split

Trito, ma visivamente folgorante, musical sulla guerra: il soldato Ellison va al fronte mentre la Faye e la Ryan credono entrambe di essere la sua fidanzata. Due strepitosi numeri musicali, per gentile concessione di Bubsy Berkeley: The Lady with the Tutti-Frutti Hat (con una Miranda in piena forma) e la finale The Polka Dot Polka. La Faye canta No Love, No Nothin’. E come ciliegina kitsch sulla torta, anche Benny Goodman si mette a cantare! Da segnalare June Haver in veste di guardarobiera e Jeanne Crain sdraiata a bordo piscina.

Angeli con la pistola

Una anziana mendicante è preoccupata per l’imminente arrivo della figlia, studente in Europa, che la crede una signora del bel mondo. Dave, gangster dal cuore d’oro, decide di aiutare la vecchia rivestendola da capo a piedi per non farla sfigurare agli occhi della ragazza. Il film, l’ultimo nella carriera di Frank Capra, è il rifacimento di Signora per un giorno , realizzato nel 1933 dallo stesso regista. Lo smalto di Capra non è più quello di una volta, ma la pellicola si lascia guardare con piacere. Rifatto a Hong Kong nel 1989 da Jackie Chan con il titolo Miracles: The Canton Godfather (O Mr. Canton and Lady Rose). Tre nomination agli Oscar. (andrea tagliacozzo)

Orizzonte perduto

Tratto da un classico soggetto di James Hilton: cinque persone si ritrovano in una strana regione del Tibet dove regnano salute, pace e longevità. Un’esperienza cinematografica rara, con un finale indimenticabile. Sceneggiatura di Robert Riskin. Dopo esser stato mostrato in copie tagliate e ristampate per anni, questo classico è stato restaurato nella sua lunghezza originale, anche se molte scene rimangono perdute e sono sostituite da immagini fisse con soltanto il dialogo. Rifatto con musica nel 1973. Oscar alla Migliore Scenografia e Montaggio.