Debito di sangue

Un “profiler” dell’Fbi, costretto ad andare in pensione dopo aver subito un trapianto di cuore, si prende carico di un caso di assassinio per aiutare la sorella della donna che gli ha donato il prezioso organo. Pellicola che calza a pennello a Eastwood, mai visto tanto a suo agio: peccato solo che il finale piuttosto scialbo non sia all’altezza dello svolgimento. Strano, perché quello del romanzo di Michael Connelly da cui il film è tratto era ben più soddisfacente e originale. Panavision.

La casa sul lago del tempo

Terminato il suo internato in una cittadina di provincia, la dottoressa Kate Forester (Sandra Bullock) lascia a malincuore la bella casa sul lago in cui abita per trasferirsi a Chicago. Prima di andarsene lascia alla lettera indirizzata al prossimo inquilino, che sarà un giovane architetto, Alex Wyler (Keanu Reeves), trasferitosi in provincia per seguire il cantiere di un anonimo condominio. Tra i due nasce un amore a distanza, ma come incontrarsi se vivono in tempi diversi e soprattutto come cambiare il destino? 

All’esordio hollywoodiano, Alejandro Agresti gira il remake di un film sudcoreano, Siworae (Il mare), di Lee Hyun-seung. La confezione è leccata e la sceneggiatura di David Auburn si dà arie di classicità romantica, chiamando in causa Persuasione di Jane Austen.

La vita a modo mio

Picaresco sguardo su un buono a nulla di provincia e sulla sua grande (e insana) famiglia di amiconi; dopo aver voltato le spalle alla sua vera famiglia anni addietro, ora si ritrova a passare del tempo con il figlio ormai cresciuto e il nipotino. In questo studio di caratteri dal fascino imprevedibile, un Newman irresistibilmente commovente è circondato da meravigliosi attori, incluso Willis nella parte della sua amichevole nemesi. Sceneggiatura di Benton, da un romanzo di Richard Russo. Elizabeth Wilson compare non accreditata nel ruolo dell’ex moglie di Newman.

Il matrimonio di Betsy

Betsy, figlia di Eddie e Lola Hopper, decide di sposare il giovane Jake Lovell. Sebbene non stia navigando in buone acque finanziare, Eddie accetta di accollarsi le spese della cerimonia nuziale. Mentre fervono i preparativi del matrimonio, anche l’altra figlia degli Hopper, Connie, s’innamora: lui è un mafioso, ma per amore della ragazza passerà dalla parte della legge. Una sorta di versione aggiornata de Il padre della sposa (un anno prima del remake ufficiale con Steve Martin), diretta con sottile umorismo e intelligenza da Alan Alda, ottimo anche come interprete. Eccellente anche il resto del cast, a partire dalla compianta Madeline Kahn in una delle sue prove migliori. (andrea tagliacozzo)