Dracula

Un classico dell’horror, con il vampiro della Transilvania che pone sotto il proprio malvagio incantesimo un gruppo di perplessi londinesi. Il ruolo più celebre di Lugosi, che realizza la sua interpretazione “definitiva” del Conte, lo stesso vale per Frye, che interpreta lo stralunato Renfield, e per Van Sloan nei panni dell’imperturbabile professor Van Helsing. Rieditato in homevideo con una nuova colonna sonora di Philip Glass. Con un sequel: La figlia di Dracula.

Frankenstein

Il film dell’orrore per eccellenza, con Clive nel ruolo dello scienziato pazzo numero uno, che crea un essere artificiale (Karloff) ma inavvertitamente gli dà un cervello criminale. A volte è un po’ datato e reclama una colonna sonora, ma è ancora emozionante… così come la prova di Karloff nel ruolo che ne fece una star. Alcune sequenze censurate, restaurate nel 1987, aumentano l’impatto di diverse scene chiave, fra cui l’annegamento di una ragazzina. Basato sul romanzo di Mary Shelley. Seguito da La moglie di Frankenstein.

Il vampiro – Cyclops, il vampiro

Il dottor Clayton, un onesto e stimato medico, provoca intenzionalmente la morte del fratello, un individuo dall’animo malvagio, dedito a studi e pratiche di magia nera. Qualche giorno più tardi, Clayton si ritrova davanti al fantasma del congiunto, trasformato in un vampiro. Un horror a basso costo di scarso interesse, a parte la buona prova dell’attore George Zucco che interpreta il ruolo di entrambi i fratelli.
(andrea tagliacozzo)

L’uomo invisibile

La fantasia di H.G. Wells si materializza brillantemente sullo schermo in un racconto di uno scienziato pazzo che si rende invisibile, devastando un piccolo paese della campagna britannica. Il debutto cinematografico di Rains è datato, ma ancora godibile. Non perdetevi John Carradine che telefona in un “avvistamento”; colui al quale è stata rubata la bicicletta è proprio Walter Brennan!.