Il piccolo lord

Figlio di una americana e di un nobile inglese, il piccolo Cedric Errol, alla morte del padre, viene affidato alle cure del nonno. Il ragazzo lascia New York e si trasferisce in Inghilterra, nella grande dimora del vecchio, che intende educarlo secondo le antiche tradizioni dell’aristocrazia britannica. Versione piatta e paratelevisiva del romanzo di Frances Hodgson Burnett. Ottimo, comunque, Alec Guinness, mentre Ricky Schroder, già protagonista de
Il campione
, è quasi insopportabile.
(andrea tagliacozzo)

La vita privata di Sherlock Holmes

Questo atipico, ma estremamente personale, film wilderiano offre uno sguardo malinconico sul celebre investigatore. Recitazione, fotografia e colonna sonora sono strepitose in questa dimenticata pellicola, la cui reputazione dovrebbe tornare alta negli anni futuri. Concepito inizialmente per una durata di tre ore e mezza. Una sequenza di 12 minuti (The Dreadful Business of the Naked Honeymooners) è stata restaurata per il laserdisc. Girato in Inghilterra. Panavision.

I mastini della guerra

Il capitano Jemes Shannon, un mercenario, viene inviato nello Zangaro, un giovane Stato africano, con il compito di rovesciare il governo retto dal crudele Kimba, ma si rende subito conto che il sostituto prescelto è anche più pericoloso dell’attuale dittatore. Dal libro di Frederick Forsythe, un serrato film bellico con un ottimo Christopher Walken, all’epoca fresco vincitore dell’Oscar per Il cacciatore. (andrea tagliacozzo)

Don Camillo

Terence Hill negli insoliti panni di Don Camillo, popolare personaggio nato dalla penna di Giovanni Guareschi. Ad osteggiarlo, come al solito, ci pensa il buon Peppone, sindaco del paese e fervente comunista. Innocuo esordio dell’attore (al secolo Mario Girotti) dietro la macchina da presa con una commedia fiacca e decisamente troppo prolissa.
(andrea tagliacozzo)

La pantera rosa sfida l’ispettore Clouseau

Impazzito a causa dalle disastrose imprese dell’ispettore Clouseau, Dreyfuss, ispettore capo della polizia francese, finisce in manicomio. Riuscito a fuggire, l’uomo rapisce l’inventore di un raggio capace di disintegrare un oggetto di qualsiasi dimensione e, con la minaccia di colpire svariati obiettivi, esige da tutte le nazioni del mondo l’eliminazione di Closeau. Quinta puntata della fortunata serie iniziata nel ’64 dallo stesso Blake Edwards. Il tasso di novità è praticamente pari allo zero, anche se il film risulta comunque esilarante, grazie a un Peter Sellers in forma strepitosa e al gran numero di gag orchestrate dal regista.
(andrea tagliacozzo)