I vestiti nuovi dell’imperatore

Il cinema è finzione, tutto è possibile, anche che Napoleone non sia morto a Sant’Elena.
I vestiti nuovi dell’imperatore
, infatti, racconta la «vera» storia dell’imperatore francese che, sostituito da un sosia nel suo esilio, rientra a Parigi per risalire al potere. Una serie di vicissitudini, però, complicano le cose e Napoleone, vestendo i panni di un «signor nessuno», vivrà gli ultimi anni della sua vita in maniera diversa. Strana operazione cinematografica, ben confezionata per regia, montaggio, fotografia, scenografie e costumi. Un bell’esercizio stilistico e un divertente gioco storico fatto di «se» e «ma». Il regista Alan Taylor e il produttore Uberto Pasolini tornano a lavorare insieme dai tempi di
Palookaville
, ma anche questa volta non ne esce un capolavoro.
(andrea amato)