La cosa più dolce

Christina è una mangiauomini che dispensa consigli su come «usare» l’altra metà del mondo. Una sera, mentre cerca di rimorchiare per la sua amica, si imbatte in un ragazzo diverso, che, dopo la prima scintilla, scompare. Christina ha pochi indizi, ma con l’aiuto dell’amica d’infanzia Courtney decide di mettersi sulle sue tracce. Intanto, l’altra amica Jane sperimenta i piaceri del sesso, con qualche inconveniente. Scritto dalla sceneggiatrice di
South Park,
La cosa più dolce…
non vuole essere una commedia romantica, ma in realtà non si capisce che cosa sia. Uno strano mix tra
Sex in the City, Friends, Tutti pazzi per Mary, American Pie
e
South Park,
non si riesce a capire dove voglia andare a parare. Un’accozzaglia di gag, a volte prevedibili, la cui unica incognita è il livello di volgarità che si può raggiungere. Le attrici sono brave, ma il film proprio non c’è.
(andrea amato)

Una hostess tra le nuvole

Una povera ragazza persegue il proprio sogno di diventare hostess di volo prendendo come modello una donna un tempo steward e ora proprietaria di una compagnia aerea (Bergen). Per ultimo dovrà scegliere tra la carriera e l’uomo da lei amato. Il cast è coinvolgente e le azioni piacevoli, ma il suo gusto un po’ rétro lo fa sembrare un blando film della Hollywood anni Sessanta, eccezione fatta per Myers, il comico strabico i cui numeri sembrano provenire da un film totalmente diverso. George Kennedy non è accreditato. Super 35.

The Rocker – Il batterista nudo

Robert Fishman, detto “Fish”, batterista di una band degli anni Ottanta, ha vissuto il sogno di diventare famoso nel mondo del rock ‘n’ roll finché è stato cacciato dal suo gruppo. Vent’anni più tardi, il rocker disilluso, si unisce alla garage band del nipote, gli A.D.D.: ora può finalmente reclamare il trono di ‘dio del rock’ che pensa gli sia sempre stato dovuto e, realizzando il sogno di una vita, porta in giro con sé i più giovani compagni della band. Inseguendo il sogno di una vita, Rainn Wilson lascia il suo lavoro impiegatizio nella fabbrica di carta, sperando di diventare, finalmente, un famoso batterista nel mondo della musica rock? heavy metal. Un batterista spesso fuori controllo, sudaticcio e talvolta nudo…