Dick Tracy

Vivace e raffinato adattamento del classico fumetto di Chester Gould, con Beatty che impersona l’eroe tutto naso e mascella. La storia è proprio esile, ma dentro c’è talmente tanto da vedere che non ci si bada: una galassia di personaggi famosi interpretano i grotteschi cattivi disegnati da Gould, gli incredibili costumi e la direzione artistica — che vinsero l’Oscar — e Madonna che canta le nuove canzoni di Stephen Sondheim (una pecca? Troppo poche). Una di queste, Sooner or Later (I Always Get My Man), si aggiudicò a sua volta l’Oscar. Da applauso la divertente interpretazione di Big Boy Caprice regalata da Pacino. Super 35.

Un medico, un uomo

Jack McKee è un valente chirurgo, ma si comporta in modo cinico e quasi sprezzante con i suoi pazienti. Quando scopre di avere un tumore alla gola la prospettiva improvvisamente cambia e il medico si rende conto di quanto sia difficile la condizione del malato. Le buone prove di William Hurt ed Elizabeth Perkins e una sceneggiatura ben calibrata evitano che il film scivoli sul patetico. Randa Haines aveva diretto con successo il protagonista in
Figli di un dio minore
.
(andrea tagliacozzo)

Gli uomini della mia vita

Una volta rimasta vedova, la Lange rimane al verde con due figli a carico, e si sposta da una cittadina del Maryland in un palazzo nel centro di Baltimora. Commedia drammatica stravagante ma ben recitata, è compromessa dall’inserimento del prevedibile “mister uomo giusto” di turno. Ci sono molti bei momenti, tuttavia, fra la Lange e Cusack; e alla fine, il film regala calde lacrime. Seconda regia di Brickman, dopo un’assenza di sette anni seguita a Risky Business — Fuori i vecchi… i figli ballano. Remake del film francese La Vie continue.