La città incantata

Chihiro è una bambina di 10 anni. In auto con i genitori si sta dirigendo verso la sua nuova città. Tristemente lontana dalla sua vita e dai suoi amici. Ma il padre perde l’orientamento e finisce in un prato all’imbocco di un tunnel. Che porterà la famigliola nella città incantata, una sorta di città termale abitata solo dagli spiriti. Ma c’è un bar con una montagna di cibo. Chihiro non mangia. I genitori si abboffano e a poco a poco si trasformano in maiali. A questo punto la bambina, passando di avventura in avventura, da una creatura magica a un’altra, da una stregoneria a quella successiva, deve trovare il modo di ritrasformare i genitori in esseri umani. Suo alleato, Haku, un ragazzino che le dà buoni consigli prima di trasformarsi in drago volante… Ci sarà anche la perfida Yubaba con una gemella buona e un figlio neonato grande come una montagna e con l’aspetto di un lottatore di sumo: è lei che governa questo regno dell’impossibile abitato da antiche divinità e creature magiche. Ed è lei che spiega a Chihiro che chi finisce nella città incantata verrà trasformato in animale e poi mangiato. Allora la piccola si darà da fare, si farà benvolere da tutti, rinuncerà al suo nome, lavorerà (è la condizione per andare avanti in questo regno magico) tanto da riuscire a ritrovare i genitori e a conoscere la forza dell’amore.

Grandioso, onirico, eccessivo, straordinario l’ultimo lungometraggio di Hayao Miyazaky. C’è tutto, in questo cartone animato che sorprende a ogni sequenza: c’è un po’ di
Pinocchio,
molto di
Alice nel paese delle meraviglie
e poi c’è tutto l’Oriente. Ci sono le favole, i fumetti, le tradizioni e le credenze giapponesi, la spiritualità tutta orientale, i paesaggi che richiamano ora Shangai ora Kyoto. Paesaggi popolati dalle più stravaganti creature, dalle palline di fuliggine con zampette e occhietti alla disgustosa palla di fango semovente. E via passando per figure inimmaginabili in un puro delirio di fantasia, spaventose o dolcissime, simpatiche o repellenti. Bellissima la protagonista dal tratto che va addolcendosi con il passare delle sequenze e con la sua conquista di sicurezza, energia e felicità. Tutti i disegni, i personaggi e le ambientazioni, sono stati prima realizzati a mano nei mitici Ghibli Studio di Miyazaky, poi scannerizzati e tradotti in formato digitale. Solo le rifiniture, l’animazione e la scelta dei colori finali sono stati generati al computer. Per Miyazaky, il più grande cartoonist giapponese (l’autore della serie tv
Lupin III
e dei lungometraggi
Nausicaa della valle del vento
e la
Principessa Mononoke)
infatti l’animazione deve essere un equilibrato mix tra tecniche moderne e metodi tradizionali. Per la prima volta nella sua carriera Miyazaky si è avvalso della collaborazione di animatori stranieri: i suoi Ghibli Studio, infatti, non avrebbero fatto in tempo a terminare il film per l’uscita prevista, nel 2002 (aveva annunciato il ritiro dal mondo dei cartoon causa un esaurimento nervoso, ci ha ripensato e ha dovuto fare in fretta). E ha così dovuto appaltare una parte del lavoro a un gruppo di disegnatori coreani. Costo totale della produzione: 19 milioni di dollari, infinitamente meno di un film animato della Pixar. In Giappone è stato un successo senza precedenti. Da noi potrebbe risultare un po’ troppo ridondante ed eccessivo con i suoi 122 minuti di lunghezza e di follie. Comunque, da non perdere. Orso d’Oro al Festival di Berlino e Oscar come miglior film di animazione nel 2002.

Winx Club 3D – Magica Avventura

Alla scuola per fate di Alfea si festeggia l’inaugurazione del nuovo anno, quando il party viene interrotto da Icy, Darcy e Stormy, le perfide Trix. Le Winx, senza Bloom, sono costrette a rimediare allo scompiglio creato dalle streghe che, dopo aver mandato a monte la festa, rubano un oggetto potentissimo e misterioso. Bloom è su Domino, dove sta vivendo i momenti più belli della sua nuova vita da principessa. Ha finalmente ritrovato i suoi genitori e Sky le chiede di sposarlo. Ma non è tutto oro quello che luccica, le tre Streghe Antenate sono infatti tornate a tormentare Stella, Aisha, Tecna, Musa, Flora e Bloom. Inoltre, Erendor, il padre di Sky, vieta al figlio di sposarsi. Un oscuro segreto grava sul regno di Eraklyon ed è ora che Sky, legittimo sovrano, ne venga a conoscenza. Nel frattempo, con l’aiuto delle Trix, le Antenate sono riuscite a rintracciare l’Albero della Vita che tiene in equilibrio la magia positiva e quella negativa. Con un incantesimo potentissimo riescono a rompere quest’equilibrio e a risucchiare da tutta Magix l’energia del bene. Bloom e le sue amiche si ritrovano così senza poteri, costrette ad affrontare nuovamente le Streghe, simbolo di ogni male.

Red e Toby nemiciamici

Affascinante lungometraggio animato di casa Disney sull’amicizia d’infanzia fra due nemici naturali, un volpacchiotto e un cucciolo di cane da caccia; crescendo, la loro relazione viene messa alla prova dall’emergere degli istinti. Appassionato e colmo di personaggi amabili, il film a volte si avvicina alla classica magia Disney.

Piovono Polpette

Le invenzioni di Flint Lockwood sono sempre state dei fallimenti colossali. Quando il suo ultimo macchinario, ideato per trasformare l’acqua in cibo, involontariamente si distrugge, schizzando verso le nuvole, Flint pare rassegnato all’idea che la sua carriera di inventore sia ormai giunta al termine.

Ma presto avviene qualcosa di incredibile: dei cheeseburger piovono dal cielo! Insomma, la sua macchina stavolta pare funzionare veramente. Il cibo-atmosferico diventa un successo immediato, ma il macchinario presto inizierà a creare problemi, dando vita a cicloni di spaghetti e polpette di carne giganti. La cittadina rischia di essere sepolta sotto montagne di marshmallows e onde di cocomeri, e Flint deve cercare di fermare la macchina per evitare la catastrofe.

Shrek terzo

Torna per la terza volta l’orco verde protagonista di un’altra fiaba rovesciata. Il nostro eroe viene designato come erede al trono del Regno di Molto Molto Lontano in seguito alla morte di Re Harold, ma rifiuta. Mentre Fiona deve anche cercare di sventare un colpo di stato messo in atto dal Principe Azzurro, Shrek va alla ricerca di un degno re insieme ai fedelissimi Ciuchino e il Gatto con gli Stivali.

Ken il guerriero – La leggenda di Hokuto

A 25 anni dal celebre cartone animato, tratto dall’altrettanto noto fumetto, Ken torna con una saga di cinque episodi, dei quali Ken il guerriero – La leggenda di Hokuto costituisce il primo capitolo. Questo nuovo esordio racconta lo sviluppo del fumetto L’episodio del Mausoleo a Croce del Sacro Imperatore, nel quale Kenshiro combatte contro l’Imperatore Sauzer. A differenza dell’originale, che era tutto imperniato su Kenshiro, avrà particolare rilievo la figura di Raoul, il maggiore dei tre fratelli di Hokuto, impegnato nella sua lotta per il potere. Centrale la figura dell’Imperatore Sauzer, che usa la violenza come strumento di dominio al fine di conquistare il mondo.