Chi è Harry Crumb

L’inetto e pasticcione Harry Crumb (John Candy), dipendente di un’agenzia investigativa, riceve da Eliot Draisen (Jeffrey Jones), suo principale, l’incarico d’indagare sul rapimento della figlia di un miliardario. Il sequestro, come scoprirà in seguito il buon Harry, è stato in realtà organizzato dallo stesso Draisen. John Candy è sufficientemente divertente, ma da solo non basta a tenere un piedi un film troppo sconclusionato e che funziona a corrente alternata.
(andrea tagliacozzo)

Come è difficile farsi ammazzare

Burt Simpson è un poliziotto vicino all’età pensionabile, al quale, per uno scambio di analisi, viene diagnosticato un male incurabile. La sua polizza assicurativa prevede il pagamento solo in caso di morte in servizio, quindi Burt decide di farsi assegnare solo missioni ad alto rischio. Ma per sua «sfortuna» ne esce sempre indenne. Commediola piuttosto prevedibile (l’espediente dell’uomo che si crede gravemente ammalato è stato usato diverse volte: una per tutte, da Jerry Lewis in
Jerryssimo!
), ma sorretta con sufficiente brio dal simpatico Dabney Coleman.
(andrea tagliacozzo)

Solo

Solo è un androide che ha una crisi di coscienza quando disobbedisce a un ordine che avrebbe causato la morte di molti innocenti. Questo lo mette in rotta di collisione con i suoi creatori, in particolare un sadico colonnello. Ordinario action movie per fan del genere senza troppe pretese. Van Peebles è in realtà piuttosto affascinante nel ruolo del protagonista. Super 35.

Honkytonk Man

Negli Stati Uniti, negli anni della grande Depressione, un cantautore country, ubriacone e malato, si mette in viaggio per Nashville assieme a Whit, il giovanissimo nipote (interpretato dal figlio del regista, Kyle Eastwood). Lungo la strada, l’uomo si esibisce con successo in diversi locali, anche se le sue condizioni di salute diventano sempre più precarie. Accolto da critiche contrastanti, il film è in realtà un piccolo capolavoro, uno dei più belli e commoventi tra quelli diretti da Clint Eastwood, particolarmente efficace anche in veste d’attore. Eastwood continua a demolire la sua immagine di duro calandosi nei panni di un personaggio contraddittorio, vulnerabile e malato, con il quale è quasi impossibile non simpatizzare. Il periodo storico e l’ambiente musicale country sono ricreati con grande vividezza. Bella la canzone che dà il titolo al film, interpretata dallo stesso Eastwood. (andrea tagliacozzo)

Niente in comune

Il giovane pubblicitario David Basner viene nominato direttore creativo della società per cui lavora. La gioia per la promozione viene però attenuata dalla notizia che i genitori, dopo 35 anni di matrimonio, intendono divorziare. Il film offre ad Hanks e a Gleason (alla sua ultima apparizione) l’occasione per dimostrare il loro talento, ma è decisamente troppo lungo, discontinuo e con numerosi punti morti. Il regista Garry Marshall, creatore della serie televisiva
Happy Days
, quattro anni più tardi realizzerà il fortunato
Pretty Woman
.
(andrea tagliacozzo)

Wargames – Giochi di guerra

Una sorta di A prova di errore per la generazione “Pac-Man”: un film “pop” su un genietto del computer che si inserisce nel sistema di preallarme del governo e per poco non fa scoppiare la terza guerra mondiale. Divertente fino a un certo punto ma sempre più artefatto via via che procede, per poi concludersi come un conciliante vecchio B-movie. Per inciso, è semplice capire perché ha avuto così tanto successo tra i ragazzi: quasi tutti gli adulti del film sono stupidi. Tre nomination agli Oscar (fotografia, sonoro e sceneggiatura).