The rock

Storia d’azione e suspense esagerata, roboante e spesso stupida su un generale dei Marines scontento che occupa Alcatraz, minacciando di cancellare San Francisco dalla faccia della terra con un gas velenoso di ultima generazione. Al che intervengono un biochimico dell’Fbi (Cage) e un agente britannico a lungo incarcerato (Connery) — l’unico uomo che sia mai riuscito a evadere da Alcatraz — per guidare una squadra di salvataggio sull’isola. Un sacco di movimentate scene d’azione e distruzione, e altrettante forzature e buchi nella storia. David Marshall Grant compare non accreditato. Una nomination agli Oscar.

Quella cosa chiamata amore

Convenzionale dramma su una cantante e autrice di canzoni country (Mathis) che desidera con tutte le forze di trovare il successo a Nashville, e sulle sue peripezie per ottenerlo. La parte migliore è la descrizione dell’amicizia e della rivalità tra artisti che cercano di emergere. Interessante più che altro per il fatto di essere uno degli ultimi film di River Phoenix, bravo nel ruolo dello scontroso cantante di talento che nasconde le proprie emozioni.