Il ladrone

Duemila anni fa, in Galilea, il giovane Caleb tira a campare rubando pecore e fingendosi mago per ingannare i poveri contadini. Testimone diretto della trasformazione dell’acqua in vino operata da Gesù, Caleb vede in quest’ultimo un concorrente più bravo. Tratto da un romanzo dello stesso Pasquale Festa Campanile, il film oscilla tra dramma e commedia, con qualche momento azzeccato, ma anche diverse cadute di stile e un cast decisamente non all’altezza della situazione.
(andrea tagliacozzo)

L’erede

Bart, giovane erede di un grande complesso siderurgico ed editoriale, affida a un detective l’incarico di far luce sulla morte del padre, avvenuta in circostanze misteriose. Il neo capitano d’industria, deciso a rinnovare la conduzione dell’azienda, si accorge che qualcuno sta tramando contro di lui. La banalità del soggetto è in parte riscattata dalla bravura degli interpreti.
(andrea tagliacozzo)