Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

Mentre Harry Potter frequenta con profitto il terzo anno di lezioni alla scuola per maghi di Hogwarts, un pericoloso criminale fugge dalla prigione per maghi di Azkaban. Il suo nome è Sirius Black e nel suo passato c’è un incontro con la famiglia di Harry. Inevitabilmente, i due sono destinati a incontrarsi…
Terzo episodio cinematografico della saga del ragazzino prodigio nato dalla fantasia di J.K. Bowling e terza megaproduzione con abbondanza di effetti speciali. Il cambio della guarda alla regia, Alfonso Cuaròn al posto di Chris Columbus, non ha modificato la sostanza della proposta. Umorismo e piccoli brividi, sorprese e qualche banalità. L’impressione è che, come nei due episodi precedenti, la produzione abbia voluto accontentare grandi e piccini. I primi, tra uno sbadiglio e l’altro, apprezzeranno qualche momento di buon cinema, mentre i secondi, trepidando per le sorti del loro beniamino, passeranno un pomeriggio da raccontare agli amici che il film ancora non l’hanno visto. Una buona notizia, infine, per chi non può fare a meno della sua dose annuale di Harry Potter: pare che siano in preparazione altri quattro episodi. (maurizio zoja)

I figli degli uomini

2027, in una Terra dominata dalla violenza e dal fanatismo religioso e segnata dalla catastrofe ambientale, sembra essere scomparsa ogni speranza di sopravvivenza per l’umanità: da diciotto anni non nascono più bambini. La Gran Bretagna è divenuta l’unica speranza per migliaia di profughi clandestini, rinchiusi dal governo in campi-lager per poi essere deportati. Tutto ciò non sembra colpire più di tanto Theo (Owen), un dipendente statale con un passato da attivista, la cui vita è segnata da una cinica indifferenza attenuata soltanto dagli incontri con Jasper (Caine), un suo amico hippie ed ex militante che vive fuori Londra con la moglie malata. La situazione cambia improvvisamente quando Julian (Julianne Moore), sua ex compagna di vita e di lotta, ora a capo di un gruppo di dissidenti che si batte per i diritti dei profughi, gli chiede di procurarle i documenti di transito per una giovane immigrata di nome Kee. Il viaggio che dovrebbe portare la ragazza a incontrare gli esponenti del misterioso Progetto Umano si rivela ben presto un incubo fatto di paura e menzogne, ma nel quale sembra trovare posto anche la speranza per un futuro migliore.

Paradiso perduto

In questa storia moderna basata sul classico di Dickens Grandi speranze un tale Finn (in origine Pip) aiuta un detenuto nelle zone paludose della Florida, e poi viene convocato in una casa decrepita da un’altrettanto decrepita Miss Dinsmoor (in origine Havisham) dove incontra l’amore della sua vita, la bellissima ma insensibile Estella. In seguito viene scaraventato a New York in cerca di fama e fortuna come artista. Realizzato con tale eleganza che è una vergogna che non vi aggiunga molto altro. Lo scheletro del racconto di Dickens c’è, ma nessuna risonanza. Panavision.

Y tu mamà también – Anche tua madre

Due ragazzi con la fissa del sesso si fanno una scorribanda in automobile con una donna più grande, sposata con un loro cugino, e alla fine portano a casa molto più di ciò che avevano previsto. Un “road movie” con qualche peculiarità, alternativamente chiassoso e malinconico, con pensieri subliminali (e non) al desiderio, al destino, alla politica, al sesso e ad altro. Una nomination agli Oscar per la Migliore Sceneggiatura Originale.