Hot Chick – Una bionda esplosiva

Un paio di antichi orecchini compiono un incantesimo e mettono la McAdams, debosciata studentessa liceale, tra le braccia del repellente Schneider (e viceversa). Schneider è sorprendentemente bravo in questa commedia molto esplicita, condita da una buona dose — oggi abituale — di rudezze: ma pretendere che sia anche delicato e leggero significa chiedergli troppo. Riconoscete l’addetto alla toilette? È Dick Gregory, icona comica degli anni Sessanta. Schneider ha collaborato alla sceneggiatura. Adam Sandler, anche co-produttore esecutivo, compare non accreditato. Super 35.

Le insolite sospette

La squadra di cheerleader del liceo Lincoln è formata da cinque ragazze inseparabili e ambite da tutta la scuola. Il capitano, Diane, rimane incinta del quarterback della squadra di football, idolo della città, tutto muscoli e poco cervello. I due decidono di sposarsi e di andare a vivere insieme, nonostante i genitori non siano d’accordo. Quello che doveva essere un sogno color rosa confetto, in realtà diventa ben presto un incubo, a causa delle bollette e dei soldi che scarseggiano. Guardando un film in televisione, le cinque amiche decidono di compiere una rapina in banca per sistemarsi definitivamente e realizzare i propri sogni. Ma quando tutto sembra filare liscio come l’olio… Commedia americana per teen ager, sulla falsa riga del solito (e più riuscito)
American Pie
e parodia di
Point Break,
film d’azione con Keanu Reeves. Tutto al femminile, con la solita Mena Suvari che spazia da
American Pie
ad
American Beauty,
Le insolite sospette
parte bene con una serie di battute e gag divertenti, per poi perdersi nella noia più totale della trama e della sceneggiatura. Buona prova comunque delle giovani attrici, dotate di molta ironia e adatte al ritmo della commedia.
(andrea amato)