Titanic Town

Una casalinga proletaria irlandese e cattolica diventa un’attivista politica (allontanandosi anche dai suoi familiari) quando il suo cortile diventa campo di battaglia tra l’esercito inglese e l’Ira. Si distingue per una sceneggiatura letteraria, per un tono accurato nel desrivere le emozioni e per le sovraccariche prove della Walters e della debuttante “O’Neill, rispettivamente madre/amica e figlia. Dal romanzo autobiografico di Mary Costello.