Stand Up and Be Counted

Spacciato come il primo film sulla “liberazione delle donne”; la scrittrice Bisset torna nella sua città natale e prende coscienza degli abusi che le donne devono subire. Totalmente stereotipato; l’unica cosa buona è la prova comica della Stevens. Sceneggiatura di Bernard Slade.