Sliver

La solitaria Stone si trasferisce in un altissimo grattacielo di lusso di Manhattan che nasconde una storia di morti misteriose. Lo scrittore Berenger la corteggia, anche se lei è più interessata a Baldwin; comunque, presto inizia a sospettare che uno dei due sia l’assassino. La bella produzione di Robert Evans di questo mix di erotismo e thriller (con enfasi sull’erotismo) è stata rigirata (cambiando l’identità dell’assassino) e così ampiamente rovinata, ma la sceneggiatura di Joe Eszterhas era già pretenziosa e ricattatoria. Da un romanzo di Ira Levin. Panavision.