Qualcosa di biondo

Dopo tre fortunati film con Francesco Nuti, Maurizio Ponzi dirige la Loren in una delle sue sporadiche interpretazioni degli anni Ottanta. Per trovare il denaro necessario a sottoporre il figlio a una costosa operazione alla vista, l’ex cameriera Aurora parte alla ricerca di colui che crede essere il padre del ragazzo: l’americano Dave. Ritmo lento e poche idee per una storia poco intrigante ed eccessivamente lacrimevole. Buono il cast da esportazione.
(andrea tagliacozzo)