La figlia del capitano

Dall’omonimo romanzo di Aleksandr Puskin. Mentre si dirige a uno sperduto fortino della Siberia dove è stato assegnato, un giovane soldato soccorre un uomo assiderato, ignorando che si tratta di un ribelle ostile alle truppe dello zar. Un prodotto discretamente spettacolare, sceneggiato dallo stesso regista in collaborazione con Steno, Mario Monicelli, Carlo Musso e Ivo Perilli. Camerini tornerà a dirigere Amedeo Nazzari ne Il brigante Musolino del 1950. (andrea tagliacozzo)