Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni

Passioni, tradimenti, nevrosi e crisi esistenziali nella quarta pellicola “inglese” del regista (dopo Match Point, Scoop e Sogni e delitti) e forse la più affine alla sua produzione più nota e riuscita.
Allen racconta, come in passato, le vicende di diversi personaggi in preda all’ansia di dare un senso alla propria vita: Alfie, gentiluomo attempato che travolto dalla vicinanza della morte decide di vivere una seconda giovinezza lasciando la moglie Helena per Charmaine, squillo ventenne tutta palestra e poco cervello; nel frattempo Helena cerca risposte alle sue illusioni da una cartomante ciarlatana – da qui il titolo del film – e Sally, figlia di Alfie ed Helena, fa i conti con i problemi del suo matrimonio con Roy, scrittore in crisi dopo il primo successo letterario. Entrambi finiranno per cercare comprensione e amore al di fuori del matrimonio: Sally con il suo avvenente datore di lavoro, il gallerista Greg e Roy con l’esotica bellezza della finestra di fronte, la donna che veste solo di rosso, Dia. 
In pieno stile Allen, i personaggi discutono, bevono e prendono decisioni assolutamente avventate perché in fondo – come tiene a ricordarci costantemente il regista – non esiste alcun modo per controllare quello che il destino ci riserva. Piacevole, ma non memorabile. Timbrato il cartellino annuale Allen è da rimandare – non senza qualche sorriso – al prossimo anno con Midnight in Paris.