Il grande coltello

Uno sguardo cinico su Hollywood, firmato dal grande autore teatrale Clifford Odet: il protagonista è Charlie Castle (Palance), una star cinematografica sull’orlo di una crisi di nervi. Steiger domina la scena nei panni di un produttore dispotico.

All’epoca fu considerato un atto d’accusa esplosivo contro i potenti degli studios. Rivisto oggi, appare molto più convenzionale: Aldrich, comunque, sa caricare di tensione e di violenza anche i lunghi dialoghi e lo spazio chiuso di un set di chiara derivazione teatrale.