G

Grande inganno, Il

Tardivo sequel di Chinatown, ambientato nella Los Angeles del 1948 con il petrolio a sostituire l’acqua come risorsa energetica. Jake Gittes indaga su un complesso caso di adulterio e loschi traffici immobiliari gestiti da Keitel (eccellente, nel ruolo dell’altro Jake), che tradisce la moglie (Tilly). Pesante e contorto oltre ogni immaginazione (per quanto mai noioso), non dirà molto a chi non ha visto Chinatown; la vecchia routine dell’intreccio indecifrabile, che funzionava per Il grande sonno (1946) qui non riesce. Faye Dunaway fa una piccola (e gradita) apparizione; Tom Waits appare non accreditato nel ruolo di un poliziotto. Super 35.

Scroll Up