Furia cieca

Un reduce del Vietnam (Hauer, perfetto per il ruolo) è cieco ma ancora capace di combattere i cattivi, di salvare un ragazzino e addirittura di duellare con il suo maestro di arti marziali. Il tentativo è quello di portare in Occidente il genere “zatoichi” giapponese: il risultato è un film decente, anche se ben lontano dalla perfezione.