Fur — Un ritratto immaginario di Diane Arbus

Nel tentativo di esplorare la nascita artistica, in termini metaforici, della famosa fotografa Arbus, questo film (ambientato nel 1958) segue la sua evoluzione da madre e moglie repressa dell’alta società newyorkese ad artista aperta verso il mondo degli emarginati sociali che i suoi genitori le hanno insegnato a evitare. Downey interpreta un uomo in fuga da uno spettacolo di persone “strane” (ha il corpo ricoperto di peli) e che si trasferisce nell’appartamento sopra quello della donna. Un uomo che rappresenta un personaggio inventato in questo “ritratto immaginario” che ci racconta qualcosa su questa donna davvero interessante. Un film ambizioso e intrigante, con la Kidman perfetta nel ruolo, ma strano e insoddisfacente. “Ispirato” dalla biografia della Arbus di Patricia Bosworth.