Follia del silenzio, La

Il primo dei pacchiani melodrammi a basso costo del regista-produttore-sceneggiatore-attore Haas è una specie di Il postino suona sempre due volte dei poveri, in cui un’arrampicatrice sociale (Michaels) sposa un attempato ispettore ferroviario convinta che lui possieda un sacco di soldi. Non così spassosamente brutto come gli ultimi lavori di Haas.