Codice Omega

Un guru motivazionale televisivo (Van Dien) resta coinvolto con un ricco uomo d’affari (York), i cui piani di dominio finale del mondo sono legati a un messaggio segreto in codice nella Torah. Finanziato dal televangelista Paul Crouch (della “Trinity Broadcasting Network”), questo film non fece un centesimo al botteghino finché lo spettatore medio non lo percepì per quello che era: spazzatura esaltata da far finire dritta in homevideo. Con un sequel: Megiddo: il codice Omega 2 (2001).