Città delle donne, La

Mastroianni si addormenta sul treno e sogna di finire in una società tutta al femminile. Questo lussurioso “fantasy” avrebbe potuto essere realizzato da un solo regista: una festa felliniana o un eccesso di “déjà vu”, a seconda del vostro umore e della vostra capacità di sopportazione.