Città del peccato, La

Cagney, nei panni di un pugile devoto al fratello minore (Kennedy), rende questo film imperdibile. Una splendida produzione fa passare in secondo piano i peccati di presunzione. Un’occasione unica di vedere il giovane Kazan recitare, nella parte di un vicino divenuto criminale.