Ci penseremo domani

Bridges e la Krige affrontano le difficoltà di un secondo matrimonio (per entrambi), cercando di cancellare brutti ricordi e problemi irrisolti… e dovendo conquistare ciascuno l’affetto dei figli dell’altro. Intelligenza, calore e gentilezza non riescono a prevalere su una certa superficialità (e carineria forzata) nella sceneggiatura del regista Pakula; né, ancor più grave, bastano per capire quando tirare le fila.