Che ora è

Un avvocato sessantenne (Mastroianni) in visita a Civitavecchia dal figlio (Troisi) che sta facendo il servizio militare. I due non hanno mai parlato veramente fra loro e si conoscono poco; la giornata passata insieme sarà l’occasione per confrontarsi, litigare e infine comprendersi. Storia non nuova, un po’ improbabile il ruolo di Troisi come “figlio” di Mastroianni, ma ottima prova dei due che da soli reggono il film, premiati ex aequo con la Coppa Volpi a Venezia.