Castagne sono buone, Le

Un giovane regista che ostenta cinismo (ma è sensibile, in realtà) si innamora di una studentessa dai sentimenti limpidi e cristallini. Una pellicola trascurabile in bilico tra la misoginia e l’idealizzazione della donna, pura e immacolata.