Camille Claudel

Sfarzosa biografia della scultrice francese (Adjani), affetta da una “follia per il fango” e maniacale nel perseguire la propria arte. Depardieu interpreta Auguste Rodin, con il quale la Claudel ha una relazione complessa e turbolenta. Una storia potenzialmente provocatoria che però non coinvolge emotivamente, con un’incredibile assenza di profondità. Lo straordinario sforzo produttivo e l’accuratezza nei dettagli storici vanno a vuoto. Debutto alla regia del direttore della fotografia Nuytten. Panavision.