Bucket of Blood, A

Un inetto conducente di autobus sorprende gli scommettitori del suo caffè con alcune sculture straordinariamente realistiche. Scritto da Charles Griffith prima de La piccola bottega degli orrori, è un’abile semi-parodia del genere “museo delle cere con cadaveri”, che cattura perfettamente lo spirito dell’era beatnik. L’attore di culto Miller è al suo meglio (da allora in poi riutilzzò spesso il nome del suo personaggio, Walter Paisley). Nel 1966 ne venne fatto un remake per la tv con il titolo The Dead Artist.