Brain Candy

Una medicina capace di curare la depressione dà dipendenza assoluta, con devastanti effetti collaterali. Questa premessa tiene insieme le storie di oltre trenta personaggi, tutti intepretati dai membri del gruppo di cabaret televisivo canadese “Kids in the Hall”. Le gag sono originali, ed è uno spasso vedere gli attori in mille travestimenti diversi (spesso sono gli uomini a interpretare anche ruoli femminili). La scena migliore è forse quella in cui Scott Thompson dichiara la sua omosessualità, con uno spassoso numero musicale. Piccola apparizione non accreditata per Brendan Fraser.