Born in East L.A.

Un ispano-americano di terza generazione viene arrestato durante un raid dalla polizia di frontiera statunitense e deportato a Tijuana. Saranno necessari novanta lunghissimi (per lo spettatore) minuti per tirarlo fuori di là. Niente di speciale: solo una commediola senza cervello ispirata alla celebre parodia discografica di Bruce Springsteen firmata dal comico Marin. La versione televisiva dura 93 minuti.