Bird

Vita e opere del leggendario sassofonista nero Charlie Parker, dal successo fino all’autodistruzione. Audace e a tratti straordinaria la regia di Clint Eastwood che fa procedere il suo film con bruschi salti temporali e narrativi, quasi fosse un’improvvisazione jazz. La splendida colonna sonora è suonata dallo stesso Parker, reinciso su un accompagnamento attuale. Statuetta per il miglior suono nel 1988 e premio a Forest Whitaker quale miglior attore al Festival di Cannes dello stesso anno. (andrea tagliacozzo)