Bassifondi di San Francisco

Più una vetrina per il giovane Derek — qui nel ruolo di “vittima della società” che si dà al crimine — che un veicolo per Bogart, nel ruolo di un avvocato preso dal rimorso che lo difende. Serio ma datato. Con un sequel: Che nessuno scriva il mio epitaffio.