Balia, La

Tratto da una novella di Pirandello. Uno psichiatra e sua moglie hanno un bambino, ma la donna si rifiuta di allattarlo. I due assumono una balia (una donna analfabeta col marito in prigione) che si occupi del piccolo e gli dia tutto l’amore materno che gli necessita, fino a sostituirsi alla madre naturale. In questa pellicola Bellocchio si affranca dalla collaborazione con l’analista Massimo Fagioli e torna a occuparsi del tema della follia, ritrovando il suo registro espressivo originario (ma libero dell’anelito rivoluzionario giovanile).