Bad Company

Un ex agente della Cia viene ingaggiato da un’agenzia privata, specializzata in operazioni “sotto copertura” (leggasi “omicidi e ricatti”); ma questa è solo la punta dell’iceberg… I personaggi fanno tutti il doppio gioco: dopo un’interminabile serie di voltafaccia arriva il finale, ma lo spettatore ha già perso ogni interesse. Vale la pena darci un’occhiata giusto per qualche scena di sesso bollente. Michael Murphy appare non accreditato nei panni di Smitty. Panavision.