52 gioca o muori

Un uomo d’affari che si è fatto da sé viene preso in una rete di ricatti e delitti, e decide di liberarsene da solo. La sceneggiatura di Elmore Leonard (da un suo romanzo) è buona, ma i personaggi principali sono freddi e il film sguazza troppo a lungo nello squallido mondo voyeuristico dei cattivi. Se fosse stato più breve, l’esito sarebbe stato migliore. Lo stesso romanzo era stato adattato due anni prima con il titolo I guerrieri del vento.