L’abominevole dottor Phibes

Dato per defunto in un incidente stradale, che invece lo ha solo orribilmente sfigurato, Anton Phibes vuole vendicarsi della morte dell’adorata moglie, uccisa anni prima dall’imperizia di un’équipe di chirurghi. L’uomo inizia ad eliminare tutti i medici uno ad uno ispirandosi alle dieci piaghe d’Egitto. Un horror notevole, per tensione e inventiva, letteralmente dominato dall’istrionica interpretazione di Vincent Price. Il personaggio di Phibes tornò l’anno seguente in
Frustrazione,
seguito di questa pellicola.
(andrea tagliacozzo)

A me il visone

Per combattere la noia e reperire fondi da devolvere in beneficenza, una simpatica vecchietta organizza una serie di furti di pellicce assieme a un ex maggiore dell’esercito e a due mature signore. La cameriera della donna, all’oscuro della cosa, complica la situazione andandosi a fidanzare con un agente di polizia. Nel più tipico stile delle commedie inglesi, un film delizioso, ricco di umorismo raffinato, al quale l’intero cast, formato perlopiù da caratteristi poco noti ma bravissimi, dà un notevole contributo. (andrea tagliacozzo)

Questo pazzo, pazzo, pazzo, pazzo mondo

Un vecchio gangster morente, vittima di un incidente stradale, rivela ai suoi soccorritori che in un luogo di Las Vegas è sepolto l’ingente bottino di una rapina. Questi ultimi si scatenano l’uno contro l’altro in una indecorosa, folle corsa verso il denaro. Del malloppo vorrebbe entrare in possesso anche un anziano ufficiale di polizia. Commedia iperspettacolare, ispirata alle vecchie commedie «slapstick» dei tempi del muto. La gag non sempre sono originali o risultano divertenti, ma l’insieme è tenuto saldamente in mano dalla regia di Stanley Kramer, anche grazie all’apporto dell’ottimo cast. Il regista tornerà a dirigere Spencer Tracy quattro anni più tardi in
Indovina chi viene a cena?
. Dovevano far parte del cast anche Groucho Marx che rifiutò per questioni di soldi e Stan Laurel, che si sentiva troppo vecchio per far ridere.
(andrea tagliacozzo)

Come uccidere vostra moglie

Un disegnatore di fumetti, scapolo convinto, partecipa ad un banchetto per soli uomini. Al risveglio dopo il party si ritrova inspiegabilmente sposato con una bellissima donna greca. Soffocato dalla convivenza coniugale, cerca di uccidere la moglie nelle storie del personaggio che sta disegnando. Vivace commedia che si regge soprattutto grazie all’eccellente cast e al buon copione di George Axelrod. Il film lanciò Virna Lisi sul mercato cinematografico americano.
(andrea tagliacozzo)