R.P.M. Rivoluzione per minuto

Un liberare vecchio stile (Quinn) diventa rettore dell’università, e poi autorizza una retata della polizia contro gli estremisti per salvare l’istituzione (“Rivoluzione per minuto”, capito?). La sciocca sceneggiatura di Erich Segal, e la regia altrettanto pessima di Kramer conferiscono al film una certa aura “camp”, ma altrimenti, attenzione.

Ra Expeditions, The

Narrato da Thor Heyerdahl e Roscoe Lee Browne. Emozionante documentario sulla determinazione del moderno avventuriero Heyerdahl ad attraversare l’Atlantico su un’imbarcazione di papiro, per provare la teoria secondo cui questo viaggio è stato fatto migliaia di anni fa. Bel seguito di Kon-Tiki.

Rabbia ad Harlem

Pugh, Samm-Art Williams, Tyler Collins, Screamin’ Jay Hawkins. Una donna dal Mississippi che riesce sempre a farla franca (Givens) giunge ad Harem per disfarsi di un mucchio d’oro, e fa coppia con un ingenuo, sfigato cocco di mamma (Whitaker) che si vede come il suo protettore. Questo onesto tentativo di ricreare l’ambiente sociale della Harlem anni Cinquanta dell’autore Chester Himes non riesce proprio nonostante alcune buone interpretazioni. Non può nemmeno reggere il moccolo a Pupe calde e mafia nera (anche se i personaggi degli sbirri Gravedigger Jones e Coffin Ed ricompaiono in questa storia).

Rabbit Hole

Un tragico incidente sconvolge Becca e Howie Corbett: la vita della coppia felicemente sposata cambia per sempre in seguito alla morte del figlio Danny.

Becca, un tempo donna in carriera oggi casalinga, cerca di ridefinire la propria esistenza in un paesaggio surreale di amici e familiari carichi di buone intenzioni, finché trova conforto in una misteriosa relazione con Jason, un giovane e inquieto artista di fumetti.

Ossessionata da quest’uomo, Becca si distrae dal ricordo di Danny, mentre Howie immerso nel passato, cerca rifugio negli estranei che gli offrono ciò che la moglie è incapace di dare. Entrambi alla deriva, Becca e Howie, finiranno per prendere pericolose decisioni nello scegliere il cammino che determinerà il loro destino.

Rabbit Test

L’unico film della Rivers finora somiglia a un Mel Brooks a basso budget: una stravagante comicità circonda un’esile trama sul primo uomo incinto. Alcune idee folli, più che altro nel segno del cattivo gusto. Molte le apparizioni cammeo di personaggi celebri (inclusa la Rivers nei panni di un’infermiera).