N.N. Libertà vigilata

Piacevole racconto della ex galeotta Greer, determinata a comportarsi correttamente. Bramosa di compagnia, cerca di entrare nelle grazie di “O’Keefe, il fidanzato della sua assistente sociale (Scott). Prodotto da John Houseman. Debutto cinematografico di Jeff Bridges: è il bambino nelle braccia della Greer.

Nadine – Un amore a prova di proiettile

Leggera ma gradevole commedia ambientata ad Austin nel 1954, su una parrucchiera incinta ma già prossima al divorzio che assiste incidentalmente a un omicidio proprio mentre tenta di recuperare alcune foto di nudo “artistico” per cui aveva posato in un momento di debolezza. Molto buono il cast, con Kim Basinger sorprendentemente in testa a tutti; l’orecchiabile brano sui titoli di coda è interpretato dagli Sweethearts of the Rodeo.

Nails

Armato di pistola, Hopper scivola nel profano giro degli sbirri al di sopra della legge, scontrandosi con narcotrafficanti e politici corrotti. A causa della posticipata uscita nelle sale, il film ha debuttato sulle tv via cavo.

Naked

Un’eccezionale, contemporanea, tesa disamina dell’esistenza di un vagabondo di Manchester (Thewlis), che giunge inatteso nell’appartamento di una sua ex e comincia a oltraggiare — ma anche a divertire — chiunque gli capiti a tiro. Uno sguardo desolato, spesso brutale e non di rado spassoso sulle persone alla deriva nell’alienata società moderna, con una performance di Thewlis davvero notevole; l’unico vero difetto è l’eccessiva lunghezza. Un’altra coraggiosa pellicola dal regista-sceneggiatore Mike Leigh.

Naked Ape, The

Ironica produzione Playboy, liberamente ispirata all’antropologia pop del best-seller di Desmond Morris. Ammiccanti barzellette sul sesso e un’animazione mediocre (di Charles Swenson) non aggiungono nulla a questo compendio a episodi di dieci milioni di anni di evoluzione umana. Musiche di Jimmy Webb.

Nanny — La governante

Una trama da contorcersi dalla paura, più una brillante regia, uguale risultato assicurato. I sospetti di infanticidio si restringono alla governante Davis e al giovane Dix, mentalmente disturbato. Insolita produzione Hammer, sceneggiata da Jimmy Sangster. Dal romanzo di Evelyn Piper.